Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Comunicazione della scienza, cosa succederà nel 2009…

Far_side_good_hands2
L'altra sera, colpito dall'influenza, imbottito di farmaci e, mea culpa, mea gravissima culpa, tracannato qualche bicchiere di troppo, ho avuto ben dodici piccole visioni premonitrici, una per ogni mese del 2009. Una vera benedizione per un giornalista, se non fosse che sembrano tratte tutte da una striscia di The Far Side di Gary Larson…

Earno tutte a sfondo scientifico, forse per deformazione professionale, forse perché il cervello, il super-Io accasciato sotto il peso del virus, si è concesso qualche libertà…

Ma comunque, le visioni erano dodici e le ho trascritte come ho potuto su una serie di fazzoletti. Ecco che cosa ho potuto ricostruire:

Gennaio. Vedo Al Gore che, parlando a Chamonix a un gruppo di schiatori sul problema dello scioglimento dei ghiacciai… scivolava sul ghiaccio e si lussava una caviglia! (Se vramente succede qualcuno ha il numero di un bravissimo avvocato?

Febbraio. Teatro Ariston, Festival di Sanremo… ci sono tutti. La De Filippi, le shogirrlzzz, i paparazzi e un sacco di ragazzine siamannate, ma gli occhi e i riflettori sono tutti per loro… il trio Boncinelli-Hack-Bellone. La loro "Si può dare di più alla scienza (e qualcosina anche alla tecnologia, éddai!), scritta da Bigazzi-Mogol Massarenti ha sbaragliato gli avversari e già è un tormentone come non se ne sentivano dai tempi della "macarena" e c'è già chi l'ha impostata come suoneria del cellulare. Applausi anche per la conduzione dell'orchestra da parte del maestro Vittorio Bo.

Marzo. La notizia è di quelle ghiotte, una di quelle giravolte che ne arrivano una ogni. Mica come un nero alla Casa Bianca… Insomma ecco qui: ansimando lungo il Camino sacro che porta a Santiago de Compostela insieme al direttore di Radio 3 Sergio Valzania, e alla promessa del giornalismo Pierluigi Diaco, il grande matematico e mangiapreti Piergiorgio Oddifreddi inciampa, batte la testa e perde per pochi attimi conoscenza. Ripresosi non mostra nessun disturbo e non prova dolore, ma ripete di essersi converitito al culto di Santa Margherita Martire. "Il Matematico devoto" con prefazione di Magdi Allam schizza in testa alle classifiche e diventa il bestseller dell'anno.

Aprile. L'alfabetizzazione scientifica è la nuova priorità italiana e il Governo premia con sostanziosi sconti fiscali le iniziative in questo senso. Dopo il premio L'Oreal per le donne e la scienza, la plasmon annunicia un premio per incentivare i lattanti allo studio di materie scientifiche.

Maggio. Carlo Rubbia ottiene il secondo Nobel per la sua nuova tecnologie energetica. Abbandonato il solare termodinamico lo scienziato ha sviluppato e reso open source un nuovo motore in grado di far andare le automobili a chiacchere. Le emissioni di CO2 sono prossime allo zero, ma il rumore, una volta in moto è tale che nell'abitacolo non è possibile condurre una conversazione.

Giugno. I matematici italiani scendono in campo contro i taglia alla ricerca. Per gli organizzatori i partecipanti sono alemno ottomila, la Questura corregge con un logaritmo in base 10.

Luglio. L'ufficio stampa del Cern annuncia che l'identificazione del Boson di Higgs nel mega-acceleratore Lhc è imminente.

Agosto. Il Cern chiude per ferie e Lyn Evans, responsabile dell'Lhc lascia al custode le chiavi dell'acceleratore e il suo numero di cellulare… nel caso il Bosone si facesse vivo…

Settembre. All'annuale convegno della Fondazione Veronesi a Venezia, il grande oncologo Umberto Veronesi si dichiara favorevole al nucleare, agli Ogm agli esperimenti sulle cellule staminali embrionali, al testamento biologico e all consumo di cioccolato e di marjuana, purché geneticamente modificati…

Ottobre. I premi Nobel per la chimica incoronano il primo scienziato africano e il primo cipriota. Il quotidiano "La Padania" commenta duramente l'assenza, tra i premiati, di cittadini padani e lancia una sottoscirzione pubblica per promuovere una legge per il rientro dei cervelli in Valcamonica. Paolo Floris, a "Ballarò" osserva che il problema non sono i cervelli scappati, ma i corpi rimasti…

Novembre. Nell'anno delle celebrazioni Darwiniane, colpo di scena al Festival della Scienza di Genova. Tra gli speaker, c'è il grande Charles in carne e ossa e tanta barba bianca. Titolo dell'intervento: "Oh ragazzi, ma io non sono poi così sicurodi questa faccenda". Modera l'intervento Marco Cattaneo, direttore di "Le Scienze" che ha appena pubblicato uno speciale confronto tra il grande biologo e il cardinale genovese Angelo Bagnasco intitolato "Disegno celeste".

Dicembre. Gran finale per le celebrazioni galileiane dell'anno internazionale dell'astronomia. L'astrofisica Margherita Hack si lancia dalla Torre di Pisa mentre Giovanni Bignami, entusiasta, esclama "Eppur si muove".