Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Scrivere di scienza è un mestiere a rischio?

Genomi, particelle di Dio, pandemie e cambiamento climatico. La ricerca scientifica non ha mai avuto sfide così importanti, ma scriverne non sempre paga. Almeno nei Paesi occidentali come riporta la Columbia Journalism Review, a chiusura del meeting annuale dell'Aaas, la società scientifica più numerosa degli Usa e, tra l'altro, editrice di "Science" dove si è appunto tenuta la tavola rotonda "Is science journalism in crisis?". La domanda è attuale visto che CNN, poco più di un mese fa ha annunciato di voler sopprimere tutta la sua redazione scientifica come ha riportato Mediabistrot (il pezzo su Cnn purtroppo è diventato irreperibile…), compreso il veterano Miles O' Brien. Le news di scienza non vengono soppresse secondo il network, ma integrate nelle news generaliste e per questo non ci sarebbe più bisogno di una redazione specializzata.

In realtà sembra difficile fare bilanci prendendo come metro gli Usa in piena crisi… Ma soprattutto ci sono  notizie confortanti che arrivano da altre parti del mondo, come i Paesi Arabi. Sempre la Columbia Review riporta infatti una crescita nella copertura delle notizie nei Paesi in forte crescita, naturalmente più attenti a questi temi forse perché percepiti come metro e strumento indispensabile del proprio progresso.