Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il Christian Science Monitor dice addio alla carta

Da domani, dopo 100 anni sulla carta il bostoniano Christian Science Monitor, una delle testate Usa più rispettate per rigore e accuratezza, spicca il grande salto e diventa interamente digitale. Sulzberger, l'editore del NYT aveva detto tra 10 anni, ma la crisi ha chiaramente accelerato i tempi… Le motivazioni del Monitor sono quelle che si leggono ogni giorno per spiegare i tagli di personale (NYT e Washington Post in testa…): perdite di copie (il Monitori si è assestato intorno a 50mila) e calo dei ricavi pubblicitari.

Il punto interessante è però che il modello del monitor è "web based" e la carta non sparisce completamente. Rimane un'edizione settimanale stampata per gli abbonati e ogni giorno via mail sarà disponibile un file di tre pagine da stampare. La "ciccia" come si dice in gergo, va però sul web.

La soluzione non sembra cos male perchè il piano del monitor sembra permettere di mantenere 80 dei 97 giornalisti (è pur sempre un taglio del 20%…) i desck all'estero e gli "stringer", i corrispondenti locali che tanti oggi sperano di sostituire con blogger o "amateur" di vario genere.